CALAMARATA CACIO, PEPE, VONGOLE E CARCIOFI

Calamarata cacio pepe vongole e carciofi

Questa calamarata cacio pepe vongole e carciofi l’abbiamo rubata ad un ristorante di Ostia, piuttosto noto anche per questo piatto. In realtà la pasta cacio e pepe aggiornata con le vongole è ormai abbastanza frequente non solo a Roma, mentre quella con i carciofi, che pure è una novità da un paio di decenni al massimo, è già considerata tipica nella Capitale. L’abbinamento tra i due piatti è invece piuttosto raro: anche su internet non si trovano più di una manciata di citazioni.

Noi non abbiamo chiesto la ricetta all’oste: assaggiato e osservato il piatto l’abbiamo dedotta, anche in base all’esperienza con i due piatti citati sopra. Il che vuol dire che la nostra è solo una proposta e che è senz’altro migliorabile. Per esempio la cottura di vongole e carciofi nella stessa padella, utilizzando lo stesso sughetto anche per poi sciogliere il pecorino potrebbe far storcere il naso a qualcuno. Tuttavia la nostra ricetta l’abbiamo (ovviamente) sperimentata e provata più volte e vi assicuriamo che così fatto il condimento cacio pepe vongole e carciofi merita davvero.

Attenzione, non mettete sale oltre quello dell’acqua di cottura della pasta: il sugo delle vongole e il pecorino sono più che sufficienti per dare sapore al tutto, carciofi compresi.

A noi è piaciuto in modo particolare l’adozione della calamarata , un tipo di pasta di grande formato tipico di Napoli e così chiamato perché ricorda gli anelli fritti dei calamari. Ovviamente è possibile variare, ma un condimento ricco come quello di cacio pepe vongole e carciofi chiede comunque pasta di superficie consistente, tipo rigatoni, tonnarelli, spaghettoni e simili.

DOSI per 4 persone


INGREDIENTI

  • 360 g di pasta “calamarata” o comunque di grande formato
  • 2 carciofi romaneschi
  • 500 g di vongole
  • 2 spicchi di aglio
  • 4 cucchiai di pecorino grattugiato
  • pepe nero
  • olio extravergine di oliva

ESECUZIONE

  1. Sciacquate le vongole e mettetele a bagno per qualche ora in acqua appena tiepida e salata
  2. Pulite i carciofi, eliminando la scorza dei gambi, le foglie esterne e le punte, in modo da lasciare solo le parti tenere, quindi tagliateli a fettine piuttosto fini. Tagliate a metà i due spicchi di aglio e fateli dorare in una ampia padella con 4 cucchiai di olio, gettateci i carciofi e fateli cuocere a fuoco moderato e coperto i 10-15 minuti necessari a renderli ben teneri. Infine prelevateli con una schiumarola e teneteli in caldo, senza gettare il fondo di cottura
  3. Sgocciolate le vongole e versatele nella stessa padella, alzate la fiamma, coprite e lasciatele sul fuoco per qualche minuto, fino a quando saranno tutte aperte. Tiratele su con la schiumarola, sgusciatele (lasciandone qualcuna con il guscio per decorare i piatti, però gettate quelle rimaste chiuse) e unitele ai carciofi
  4. Levate dal fuoco la padella e filtrate di eventuali impurità il fondo di cottura delle vongole e dei carciofi. Quindi mischiateci il pecorino in modo che si sciolga senza raggrumarsi, una abbondante passata di pepe macinato al momento e amalgamate bene
  5. Scolate la pasta al dente, versatela nella padella e tenetela sul fuoco basso per un minuto abbondante, mescolando per far assorbire bene il condimento. Incorporate le vongole e i carciofi, mescolate ancora un momento e servite calda la vostra calamarata cacio pepe vongole e carciofi

.

.

.

.

Vedi anche

●●●   Spaghetti con le vongole alla romana   
●●●   Spaghetti cozze e pomodorini