CAROTE ARROSTITE NEL FORNO, LA SFIZIOSA RICETTA AL MIELE

Carote arrostite nel forno IMGP0486

Le carote arrostite nel forno di casa sono un piatto pieno di superlativi assoluti. Facilissime e veloci da fare, leggere e originali, ma – soprattutto nella versione che vi stiamo presentando, con il miele – sono incredibilmente gustose.

La ricetta delle carote arrostite è tipicamente interregionale. Si tratta infatti di un piatto non più d’uso frequente, ma un tempo comunissimo. Anzi, è proprio perché le carote arrostite nella brace erano d’uso quotidiano e universale che non ci sono ricette considerate tipiche di qualche regione.

Da sottolineare che le carote sono arrivate in Europa dall’Asia Centrale nel Medioevo. Prima del XII secolo in Italia erano sconosciute. I romani utilizzavano una varietà di carota selvatica molto piccola, ma solo ad uso farmaceutico, non alimentare. Le “carote” che mangiavano, qui e là citate da alcuni autori, erano le radici di pastinaca. Che hanno un sapore dolciastro, a metà tra una carota e una patata, ma sono tutt’altra cosa.

Inoltre le prime carote erano di colore viola, come – però solo da pochi anni – se ne trovano in vendita anche oggi. Più o meno stesso sapore delle carote arancioni, ma impressione all’occhio ben diversa, perché tingono di viola ogni alimento con cui vengono cotte. Quelle arancioni derivano da una mutazione genetica sfruttata in Olanda, nella seconda metà del 1500. E poi velocemente diffusasi ovunque, al punto che oggi abbiamo del tutto perduto la memoria storica dell’originale colore delle carote.

Tanto per cambiare, però, la loro prima citazione in una ricetta è avvenuta in Italia, nel 1460. A conferma che le carote arrostite nella brace erano già di uso comunissimo. Infatti, descrivendo la ricetta della “gelatina color viola”, il celebre Maestro Martino da Como dà per scontato che in cucina ci siano «carote cotte sotto le brascie». Che erano appunto l’ideale per colorare i cibi di un bel colore violaceo, tipo strega di Biancaneve 😀 .

La ricetta che vi proponiamo è semplicissima oltreché – insistiamo – davvero buonissima. Molto sfiziosa. Il miele da usare va più o meno bene tutto. L’ideale è quello di acacia, oppure altri mieli non troppo dolci: castagno, eucalipto, tarassaco, girasole. Tuttavia quello più usato è il millefiori e, vi assicuro, tutti lo hanno sempre trovato buonissimo.

Dosi per 4 persone


INGREDIENTI

  • 8 carote medio-grandi
  • 2 cucchiai di miele (preferibilmente di acacia, altrimenti secondo gusto, compreso il millefiori)
  • 3 spicchi d’aglio vestiti
  • 30 g di burro
  • Rosmarino
  • Salvia
  • Altri aromi facoltativi (timo, maggiorana, origano, menta)
  • Pepe

ESECUZIONE

  1. Lavate le carote sotto acqua corrente e grattatele con la parte non affilata della lama di un coltello, oppure pelatele con uno sbucciapatate. [Se avete acquistato carote novelle con le foglie, queste vanno eliminate, ma non gettate. Sono ottime per fare una frittata dal sapore fresco e primaverile, oppure nei minestroni.]. Infine tagliate le carote a metà per il verso lungo, possibilmente senza spezzarle
  2. Usate tutto il burro per ungere con abbondanza il fondo di una pirofila o di una teglia da forno. Adagiateci le carote con la parte tagliata rivolta verso l’alto, senza sovrapporle (neanche di poco), ma tenendole strette, in modo che il condimento non si disperda. Spolverizzatele con pepe appena macinato e (con moderazione) di sale
  3. Tritate finemente un ciuffo di rosmarino, 2-3 foglie di salvia ed eventuali foglie di altri aromi (raccomandati timo e maggiorana). Versate il trito aromatico in una ciotolina, aggiungete 2 abbondanti cucchiai di miele e 3 cucchiai di acqua bollente. L’acqua deve aumentare il volume del condimento, ma soprattutto fluidificare il miele, quindi deve essere proprio bollente. Mescolate il tutto con un cucchiaino, quindi umettate a filo le carote
  4. Incorporate nella teglia anche i tre spicchi d’aglio, lasciandoli nella loro camicia, e mettete la teglia nel forno preriscaldato a 200-210°. Lasciate cuocere per 15 minuti, quindi estraete la teglia chiudendo immediatamente lo sportello del forno: non fategli perdere troppo calore. Ora capovolgete le carote e umettatele più che potete con il condimento sul fondo. Infine ri-infornate e completate la cottura per altri 15-20 o più minuti: i tempi variano secondo la dimensione e la freschezza delle carote. Comunque spegnete quando le carote sono ben rosolate e morbidissime, senza essere sfatte. Eliminate gli spicchi d’aglio e portate in tavola le vostre carote arrostite quando sono moderatamente calde

Vedi anche

●●● Carote gratinate al forno delle prealpi piemontesi
●●● Carote al brandy, la ricetta tradizionale meneghina

♥♥♥ Seguici e consigliaci sulle nostre pagine Facebook (profumodibasilico) e Instagram (@profumodibasilico.it)