CICORIA STRASCINATA ALLA ROMANA CON PATATE E POMODORINI SECCHI

Cicoria strascinata con patate

La cicoria strascinata con aglio e peperoncino è un piatto tipico della cucina povera romana. Contrariamente a quanto alcuni credono, l’attributo “strascinata” non è romanesco, ma italianissimo e vuol dire proprio strascinare la cicoria nella padella per fargli assorbire tutto il condimento.

Piatto di verdure gustosissimo, a patto di apprezzare l’aglio, la cicoria strascinata si cucina piccante di peperoncino e si serve con fette di pane tostato, spesso condite anch’esse con un po’ d’aglio.
L’ideale è utilizzare la cicorietta di campo, ma va benissimo anche quella coltivata, che però ha sapori meno variegati e quindi, pur essendo un pochino più delicata (per modo di dire), può risultare più amara al palato. In questo caso l’abbinamento con le patate è perfetto per addolcire il retrogusto amaro e rendere il piatto ricco e appagante.

L’aggiunta dei pomodori secchi sottolio è tutta nostra: li avevamo, li abbiamo sperimentati e ora li consigliamo convinti. Anche perché sono ormai reperibili in quasi tutti i supermercati anche lontano dal Meridione, dove sono invece di uso comune. Per la dose tenete conto che un pomodoro è composto da due metà, quindi 6 pomodori sono 12 metà: sembra banale ma vale ricordarlo visto che nelle confezioni sottolio i pomodori sono appunto tagliati a metà anche quando sembrano interi!

Se non amate il peperoncino potete eliminarlo e basta, oppure potete sostituirlo con il pepe .  Se non amate l’aglio no: potete ridurlo un poco, ma non eliminarlo, altrimenti porterete in tavola un piatto altrettanto ottimo, ma completamente diverso da una cicoria strascinata alla romana.
Tenete però presente che l’alitosi da aglio può essere contrastata con efficacia, e persino eliminata: leggete qui Problemi con l’aglio? Impariamo a gestirlo

DOSI per 4-5 persone


INGREDIENTI

  • 600 g di cicoria
  • 400 g di patate
  • 3 spicchi di aglio
  • 6 pomodori secchi sotto olio
  • peperoncino
  • olio extravergine

ESECUZIONE

  1. Sbucciate le patate, mettetele in una pentola di acqua fredda, portate a ebollizione, salate e lasciate bollire piano per circa 12 minuti: devono essere cotte  ma molto sode. Scolatele, sbucciatele e tagliatele a dadi
  2. Lavate e capate la cicoria, tagliatela a pezzi lunghi circa 10 cm, quindi gettatela in acqua bollente salata (va bene anche quella dove hanno lessato le patate). Lasciate cuocere 4 minuti dalla ripresa del bollore, quindi prelevatela e scolatela bene
  3. Affettate l’aglio e fatelo colorire a fuoco dolcissimo in una ampia padella con  4 cucchiai di olio
  4. Versate la cicoria nella padella e fatela cuocere 5 minuti a fuoco medio, con il coperchio, mischiando un paio di volte
  5. Aggiungete le patate, i pomodori tagliati a pezzetti e un peperoncino, regolate di sale, incoperchiate e lasciate su fuoco medio, mescolando di tanto in tanto, fin quando le patate sono ben cotte e anche un pochino sfaldate (occorreranno circa 10-15 minuti, a seconda della qualità delle patate e di quanto le avete tagliate grosse).
  6. Spegnete, lasciate riposare 10 minuti la vostra cicoria ripassata, con il coperchio, prima di servirla tiepida, quasi calda

.

.

 

.

Vedi anche

●●●   Un piatto antico: padella di verdure miste e patate
●●●   Fave e piselli   


Ricette Correlate