FETTUCCINE CON PESTO DI POMODORI SECCHI E MANDORLE

Fettuccine con pesto di pomodori secchi

I pomodori secchi sott’olio sono una preparazione tipica di tutto il nostro sud: Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. Tutte e quattro le regioni hanno una serie numerosa di pesti fatti con i pomodori secchi, che però sono particolarmente diffusi in Sicilia. Nell’isola, anzi, ce n’è una tale quantità (non ogni provincia, ma proprio ogni Paese ha il proprio) che praticamente c’è una sorta di tacito accordo sul fatto che ciascuno se lo fa come vuole, chiamandolo poi a buon diritto “pesto di pomodori secchi “.
Quello che proponiamo lo abbiamo assaggiato in una trattoria di Noto (Siracusa).

Circa gli ingredienti, i pomodori secchi sott’olio sono ovviamente indispensabili, ma ormai sono anche facilmente reperibili nella maggior parte dei supermercati anche del nord. Per lo più (non sempre ma quasi) sono preparati tagliati a metà: quindi attenzione, perchè nella ricetta parliamo di 10 pomodori (cioè 20 metà) e non 10 pezzi. Inoltre (seppure con difficoltà fuori dalla Sicilia, per via del costo, che sale molto) si trovano anche i più pregiati pomodorini secchi sott’olio, che sono grandi la metà dei pomodori normalmente utilizzati, e quindi ne dovrete mettere il doppio.
Attenzione anche al sale, perchè di norma i pomodori secchi sono di per sé molto saporiti.

La ricotta migliore è quella fresca di pecora. A noi è capitato di dover necessariamente utilizzare quella di mucca (e nemmeno fresca, ma in confezione) e onestamente la pasta era comunque buonissima.

Le mandorle possono essere sostituite con i pinoli, o anche con i pistacchi. In entrambi i casi il sapore finale è diverso, ma solo diverso, non meno buono. Anche qui attenzione alla qualità del prodotto: se acquistate la frutta secca già pronta e confezionata dovete assolutamente verificare che non abbia quel retrogusto di rancido che, purtroppo, è invece frequente nei prodotti più economici.

Le fettuccine ci stanno benissimo, ma è una scelta dettata dalla nostra personalissima preferenza. Qualunque siciliano vi direbbe che per questo pesto la pasta giusta è corta e rigata. Se però adottate anche voi le fettuccine, vanno bene sia di grano duro sia all’uovo, in quest’ultimo caso meglio secche che fresche.
.
DOSI per 4 persone.


INGREDIENTI

  • 360 g di fettuccine
  • 10 pomodori secchi sott’olio
  • 50 g di mandorle spellate e leggermente tostate
  • 3 spicchi di aglio
  • 15 pomodorini
  • 80 g di ricotta di pecora
  • un mazzetto di rucola
  • 30 g di pinoli
  • pepe
  • olio extra vergine di oliva

ESECUZIONE

  1. Mettete i pomodori secchi nel mixer senza scolarli dall’olio, aggiungete le mandorle, un ulteriore filo di olio e frullateli a bassa velocità. Quindi amalgamate il composto ottenuto con i due cucchiai di ricotta (non aggiungete sale)
  2. Tagliate a fettine gli spicchi di aglio e fateli colorire in una ampia padella a fuoco basso con 4 cucchiai di olio. Unite i pomodorini tagliati a pezzetti minuti e il mazzetto di rucola, coprite e lasciate cuocere 10 minuti
  3. Versate nella padella il pesto di pomodori secchi, aggiungete i pinoli, mischiate bene (se necessario allungando con qualche cucchiaio dell’acqua di cottura della pasta), assaggiate, se necessario regolate di sale e lasciate sul fuoco ancora un paio di minuti
  4. Versate nella padella le fettuccine appena scolate e mischiate con cura per fargli raccogliere tutto il condimento. Servitele calde con una passata di pepe macinato al momento ed eventualmente guarnite con qualche pezzetto di pomodoro secco

 

.

 

Vedi anche

●●●   Orecchiette con melanzane e ‘Nduja   
●●●   Pasta con pomodorini, olive e ricotta salata


Ricette Correlate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.