FETTUCCINE CON PISELLI E RICOTTA DELLA CAMPAGNA LAZIALE

Fettuccine con piselli e ricotta

Se si torna indietro nei tempi, alle origini delle tradizioni culinarie italiane, la pasta è sempre condita con un solo ingrediente. Che spesso (ma neppure sempre) è solo soffritto e sostenuto da qualche aroma o spezia. È il caso, per capirci, delle numerose paste a base di aglio (cosiddette agliate), di cipolla, di noci, di formaggio e anche di verdure.
Le paste a base di ricotta, sono tra le più diffuse. Come è ovvio che sia, visto che le ricotte sono prodotte in ogni regione, nessuna esclusa.
Queste fettuccine con piselli e ricotta sono tradizionali del Lazio e sono una evidente evoluzione delle ricette più antiche, di sola ricotta.

Il Lazio è la regione con il maggior numero di ricette tradizionali di pastasciutta a base di ricotta. Ce n’è per tutti i gusti. Da quelle semplicissime, praticamente di sola ricotta aromatizzata, a numerose ricette di ricotta e altro, tra cui alcune relativamente complesse, elaborate nelle cucine nobiliari. Ma la verità è che nel Lazio la ricotta è protagonista di ogni portata: c’è anche una minestra di sola ricotta, che è probabilmente un caso unico in Italia.

Va detto che nella tradizione laziale c’è una sorta di osmosi tra i formaggi tipici locali, e in particolare tra la ricotta e il pecorino. Ci sono cioè ricette che vengono fatte esattamente nello stesso modo, solo sostituendo un formaggio con l’altro. È evidente che una cacio e pepe fatta come va fatta (vedi qui la ricetta tradizionale) ha un sapore molto diverso da una fatta con la ricotta al posto del pecorino. Ma in effetti la ricetta laziale dei “maccheroni alla ricotta” è esattamente una cacio e pepe con la ricotta al posto del pecorino. Parimenti c’è una ricetta tradizionale con ricotta che è una gricia (vedi qui la ricetta tradizionale) con la ricotta anche qui al posto del pecorino.

Peraltro nel Lazio vi sono anche diverse ricette di fettuccelle, fettuccine e tagliatelle con piselli. E quindi non potevano mancare le fettuccine con piselli e ricotta. Di cui due ricette sono tuttora molto usate: quella che vi stiamo proponendo e quella, più ricca ed elaborata, delle fettuccine con piselli e ricotta “alla papalina”.

Circa la ricetta di oggi va solo detto che è tradizionalmente prevista per fettuccine sia di grano duro, sia all’uovo, quest’ultime tanto fresche che secche. La ricotta deve essere di pecora. Tuttavia, nel caso si disponesse solo di ricotta vaccina, la soluzione è semplice e consiste nel raddoppiare la dose di pecorino: due cucchiai invece di uno. Infine, anche per questa ricetta di fettuccine con piselli e ricotta esiste la ricetta gemella, fatta con solo pecorino. Che però, senza la ricotta, va messo in abbondanza.

DOSI per 4 persone


INGREDIENTI

  • 360 g di fettuccine all’uovo
  • 200 g di piselli fini freschi o surgelati
  • 150 g di ricotta di pecora
  • Pecorino grattugiato (solo un cucchiaio)
  • 40 g di grasso di prosciutto (oppure di lardo) affettato fine
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio di aglio
  • Prezzemolo
  • Mentuccia
  • Pepe
  • Olio extravergine di oliva

ESECUZIONE

  1. Tritate finemente la cipolla e tagliate a fettine molto sottili il grasso di prosciutto. Riscaldate 4 cucchiai di olio in una ampia padella e lasciateli soffriggere per 6-7 minuti a fuoco dolcissimo
  2. Aggiungete nella padella i piselli e lo spicchio di aglio schiacciato con la sua camicia. Mescolate e lasciate cuocere dolcemente e con il coperchio i circa 20 minuti necessari a cuocere i piselli. Due minuti prima di spegnare il fuoco profumate il tutto con un cucchiaio di prezzemolo tritato e una decina di foglioline di mentuccia sminuzzate
  3. Mettete nella zuppiera di servizio la ricotta e profumatela con pepe macinato al momento. Aggiungete un cucchiaio  colmo di pecorino grattugiato e stemperate il tutto con mezzo mestolino dell’acqua bollente di cottura della pasta. Infine incorporate anche i piselli con il soffritto di cipolla
  4. Scolate la pasta, versatela nella zuppiera e mescolate bene, aggiungendo se necessario ancora qualche cucchiaio dell’acqua di cottura. Le fettuccine con piselli e ricotta devono essere servite ben calde, con la ricotta ancora quasi fluida

.

.

.

.

Vedi anche

●●●    Pasta all’uovo: le tagliatelle all’emiliana, per esempio
●●●    Tagliatelle piemontesi con profumi di alpeggio e di mare

♥♥♥ Segui il nostro blog sulla pagina Facebook profumodibasilico