GNOCCHI DI ZUCCA CON FONTINA ALLA VALDOSTANA

Gnocchi di zucca con fontina alla valdostana

Gli gnocchi di zucca sono un piatto discretamente diffuso in Italia. Come è ovvio, dato che la zucca ha sempre avuto un ruolo importante nelle nostre tradizioni culinarie e per ogni tipo di preparato. Trova infatti largo uso nelle ricette di minestre, risotti, gnocchi, paste asciutte e in brodo, secondi, contorni, confetture e perfino dolci e dessert. Parimenti il suo uso è abituale in ogni regione, per quanto sia prevalente al nord e abbia sicuramente conosciuto una forte diminuzione negli ultimi cinquanta anni.

Importate in Italia forse dai fenici, erano già di uso comune presso gli etruschi e molto apprezzate dai romani.

Fino al 1600 le zucche in circolazione erano solo quelle piccole a forma di fiasco, di colore verde striato (Cucurbita moschata).
Oggi sono più note le Cucurbita maxima, le grandi zucche di forma tondeggiante e a prevalente colore arancio. Quelle di Halloween, per capirci, che sono arrivate dalle Americhe nel XVI secolo e che stanno a poco a poco conquistando i mercati grazie alla qualità della polpa, più morbida e setosa rispetto alle zucche europee.
Nel caso degli gnocchi di zucca è appunto preferibile l’uso della Cucurbita maxima, tenendo anche presente che le zucche migliori sono – a parità di dimensioni – quelle più pesanti.

Gli gnocchi di zucca della nostra ricetta sono una vera delizia di sapori e profumi, con un ruolo determinante assegnato alla fontina. Si tratta di un formaggio di alpeggio particolare e di pregio… se è fontina originale valdostana. Nel 2016 il Wall Strell Journal l’ha inserita tra i 26 migliori formaggi al mondo.
È possibile usare formaggi diversi? Certamente si, però a condizione che siano di uguale qualità, cioè prodotti con latte di alpeggio. Anche così il sapore sarà comunque un po’ diverso, ma probabilmente solo diverso, non meno buono.  Tuttavia vale la pena fare uno sforzo per procurarsi della vera fontina valdostana, che in Italia è facilmente reperibile in tutto il centro-nord e anche in buona parte del sud (sicuramente nei supermercati più grandi).

Nella nostra ricetta 1,2 kg di zucca possono sembrare troppi per 4-5 persone. Si tratta però del peso a crudo e da pulire: tolti buccia, filamenti e semi, dopo la prima cottura il peso della zucca si riduce a circa 700 g.

Attenzione alla dimensione degli gnocchi, che è un altro fattore importante, perché gnocchi troppo piccoli tendono a indurire, troppo grandi a sfaldarsi. Le dimensioni ideali sono di circa 3 cm di lunghezza e 2 cm o poco più di spessore.

DOSI per 4-5 persone.


INGREDIENTI

  • 1,2 kg di zucca gialla non dolce
  • 300 g di farina
  • 2 uova
  • 100 g di fontina tagliata a striscioline sottili
  • 100 g di grana padano grattugiato
  • 80 g di burro
  • Salvia
  • Noce moscata
  • Pepe
  • Latte

ESECUZIONE

  1. Pulite la zucca eliminando buccia e semi, tagliatela a pezzi e fatela cuocere nel forno caldo a 200°: occorreranno circa 35-40 minuti. Fatela raffreddare, quindi passatela nel tritaverdure utilizzando i buchi medio-grandi. Meglio non utilizzare il mixer, ma se lo usate NON fate una purea liquida
  2. Versate la polpa della zucca in una terrina, incorporateci la farina e le uova e mescolate un poco. Quindi aggiungete 2 cucchiai colmi di parmigiano, regolate di sale e profumate con un pizzico di noce moscata e una macinata di pepe. Amalgamate per bene il tutto, aggiungendo qualche cucchiaio di latte nel caso fosse necessario ammorbidire l’impasto oppure un poco di farina  per addensarlo
  3. Lavorate con le mani l’impasto su un piano, in modo da farne cordoncini spessi un dito e tagliateli ricavandone gli gnocchi
  4. Portate a bollore abbondante acqua salata profumata da 2 foglie di salvia e versateci gli gnocchi: attenzione al bollore che deve essere dolce, non tumultuoso.  Scolate gli gnocchi di zucca con un mestolo forato man mano che vengono a galla (in genere occorrono 4-5 minuti di cottura) e sistemateli in una pirofila da forno
  5. In un pentolino sciogliete il burro a fuoco dolcissimo insieme a 2 foglie di salvia spezzettate. Aggiungete il grana padano e appena di amalgamato con il burro togliete dal fuoco e conditeci gli gnocchi mescolando molto delicatamente. Distribuite sugli gnocchi i pezzetti di fontina e passate la pirofila per 8-10 minuti nel forno già caldo a 180°. Appena la fontina è ben sciolta servite subito i vostri gnocchi di zucca alla valdostana

.

.

.

.

.

Vedi anche

●●●   Il gusto avvolgente del risotto alla zucca
●●●   Gnocchi di patate, la ricetta classica    

♥♥♥   Segui il nostro blog sulla pagina Facebook profumodibasilico