NOCINO: L’ANTICA RICETTA TRADIZIONALE DI MODENA

Nocino, la ricetta tipica di Modena

Il nocino è liquore tradizionale in molti Paesi europei, dall’Inghilterra alla Russia. Se ne fanno infinite varianti: per esempio, in Italia, solo nella città di Modena (patria del nocino italiano) se ne conoscono oltre 15 diverse.

La ricetta di nocino che proponiamo è vecchia di secoli e garantisce ottimi risultati, a condizione di utilizzare le giuste noci. Infatti occorrono noci giovani e morbide al punto da poter essere trapassate da parte a parte con un ago. Secondo la tradizione popolare le migliori sono quelle raccolte la notte del 24 giugno.

Tra gli aromi la cannella e i chiodi di garofano sono un classico, usati da quasi tutti in pratica, ma in teoria solo tollerati dai puristi dell’Ordine del nocino modenese. Se poi volete fare una cosina originale, come aroma potete anche aggiungere dei petali di rose rosse: 25 g / litro di alcool, senza insetticidi nè anticrittogamici vari, per favore

DOSI per 2 litri di liquore.


INGREDIENTI

  • 1 litro di ottimo alcool 95°
  • 900 g di zucchero
  • 35 noci con il loro mallo
  • 5 chiodi di garofano
  • un pezzetto (circa 2 cm) di cannella in stecca
  • la buccia (solo la parte gialla) di 1/3 di limone

ESECUZIONE

  1. Dopo aver raccolto le noci lasciatele appassire per 4-5 giorni, quindi pulitele con un panno, senza lavarle, e spaccatele in 4 parti
  2. Mettetele in un contenitore di vetro con la scorza di limone, i chiodi di garofano, la cannella e coprite con l’alcool
  3. Chiudete e lasciate riposare per 60 giorni in una zona parzialmente esposta alla luce del sole, aprendo il contenitore e mescolando una volta la settimana
  4. Dopo i due mesi filtrate l’infuso eliminando le noci e gli aromi
  5. Sciogliete lo zucchero in ½ litro di acqua calda: usate acqua distillata alimentare, oppure acqua oligominerale. Fate raffreddare completamente e miscelate con l’infuso
  6. Lasciate riposare 15-20 giorni al buio, dopodiché filtrate nuovamente senza lasciare depositi e imbottigliate
  7. Fate riposare il liquore al buio per almeno due mesi (l’ideale è 6-8 mesi) prima di consumare

.

.

.

.

Vedi anche

●●●   Cantucci toscani, la ricetta tipica di Prato  
●●●   Limoncello di Sorrento: come farlo in casa nel modo migliore


Ricette Correlate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.