PASTA CON CIPOLLE E GRANA PADANO, IL GUSTO (NECESSARIO) DI UNA VOLTA

Pasta con cipolle e grana padano

La pasta con cipolle è una di quelle una volta di uso frequentissimo sulle tavole degli italiani. Per vari motivi, ma per uno fondamentale: era tra le paste meno costose da fare e con un ingrediente – le cipolle – che non mancava mai in casa. Insomma, era una pasta che soddisfaceva tre esigenze tutte ugualmente necessarie: mangiare, mangiare bene, spendere poco. Il che spiega perchè ricette tipiche di pasta con cipolle (o di riso o di polenta con identico condimento)  si ritrovano più o meno in tutta Italia.

Quella che vi proponiamo è una ricetta tipica dell’Emilia Romagna, forse la regione che nel tempo ha manifestato maggiore apprezzamento per questo condimento, con più di una ricetta tradizionale.
Ricette tipiche di pasta con cipolle molto simili a questa si ritrovano in Piemonte, Lombardia, Sicilia e Lazio. Le differenze sono per lo più legate alle colture tipiche di zona: la ricetta del Lazio, per esempio, è identica, sostituendo però il burro con l’olio e in grana con il pecorino.

Essendo il condimento basilare, la pasta con cipolle si presta a moltissime variazioni. Molto usata, per esempio, l’aggiunta di una o due uova sbattute messe a crudo sulla pasta caldissima, un po’ come si fa con la carbonara. Frequente anche l’aggiunta di peperoncino o (soprattutto) pepe. Si può sostituire il grana con pecorino o con ricotta salata. Ottima l’aggiunta di una salsiccia da far rosolare, con il grasso che sostituisce in parte il burro.

Come aromi potete aggiungere una foglia di alloro (da far cuocere con le cipolle e poi togliere), maggiorana o prezzemolo. Molti consigliano anche lo zenzero (grattugiato grossolanamente senza la buccia e cotto con le cipolle) se siete sicuri che vi piaccia: ha un sapore che vagamente ricorda il limone con aggiunta di peperoncino.

Vanno bene tutti i tipi di pasta, sia fresca sia di grano duro. In Emilia e in tutte le regioni del nord si preferiscono le penne, in tutto il centro-sud gli spaghetti.

DOSI per 4 persone


INGREDIENTI

  • 360 g di pasta di grano duro
  • 350 g di cipolle
  • 50 g di burro
  • Vino bianco secco
  • 1 dado
  • Grana padano

ESECUZIONE

  1. Preparate un bicchiere di brodo sciogliendo un terzo del dado in un bicchiere scarso (circa 100 ml) di acqua bollente
  2. Sciogliete il burro in una padella, tagliate a fettine sottili la cipolla e fatela appassire 5 minuti a fuoco dolcissimo e con il coperchio
  3. Bagnate la cipolla con 6 cucchiai di vino (l’equivalente di una tazzina da caffè piena), alzate moderatamente il fuoco e fatelo sfumare
  4. Aggiungete il bicchiere di brodo, insaporite con una passata di pepe macinato al momento e fate andare su fuoco moderato e scoperto i pochi minuti necessari a ottenere un sugo che sia nello stesso tempo denso e fluido
  5. Lessate la pasta al dente in acqua salata, scolatela e fatela saltare mezzo minuto nella padella con il condimento. Spegnete il fuoco, aggiungete due cucchiai di parmigiano grattugiato e mescolate bene. La pasta con cipolle va servita fumante

.

.

.

.

Vedi anche

●●●   L’Italia del ragù finto, ovvero veloce, economico e senza carne   
●●●   Pasta cacio e pepe: la ricetta tipica romana “de Roma”


Ricette Correlate