POLPETTE AL SUGO, DA SEMPRE QUELLE DELLA NONNA

Polpette della nonna

Le polpette sono nate come piatto di recupero degli avanzi di carne del giorno prima: venivano messi tutti insieme, tritati, mischiati agli avanzi di pane, aromatizzati in vari modi e infine “legati” con le uova battute.

La cottura era doppia: prima fritte e poi ulteriormente insaporite ripassandole nella salsa di pomodoro. Con il tempo gli avanzi sono spariti e il piatto è stato reso più leggero eliminando ogni grasso animale aggiunto e usando un solo tipo di cottura: o fritto o in umido.

La ricetta che proponiamo è tra quelle più diffuse: quando in Italia si chiede un piatto di polpette, senza altre precisazioni, in genere sono o queste, o molto simili.

DOSI per 4 persone.


INGREDIENTI

  • 600 g di manzo tritato
  • 80 g di pangrattato
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • 8 cucchiai di latte
  • 2 uova
  • 1 spicchio di aglio
  • noce moscata
  • 4 foglie di basilico
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 1 cipolla
  • 400 g di pomodori pelati
  • olio extravergine di oliva

 

ESECUZIONE

  1. In una ciotola sbattete le uova, aggiungete 4 cucchiai di latte, 2 cucchiai di olio, l’aglio tritato finissimo, il basilico tagliuzzato e il cucchiaio di prezzemolo, un pizzico di noce moscata, il parmigiano e il pangrattato. Aggiungete due prese di sale e mischiate tutto con cura
  2. Unite la carne e amalgamatela bene con tutti gli altri ingredienti: usate le mani lavorandola con decisione
  3. Quando l’impasto è tutto omogeneo dividetelo in otto polpette di circa 100 g l’una e lavoratele ancora, sbattendole tra le mani
  4. Tagliuzzate fina la cipolla e fatela appassire in una padella con 3 cucchiai di olio. Aggiungete 4 cucchiai di latte, i pelati e regolate di sale
  5. Appena la salsa inizia a bollire adagiatevi le polpette e fatele cuocere coperte per 40 minuti a fuoco basso, girandole più volte. Servitele ricoperte del loro sugo

 

 

 

Vedi anche

●●●   Canederli in brodo
●●●   Gnocchi di patate, la ricetta classica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.