TORTA SBRISOLONA, IL DOLCE TIPICO DELLA CUCINA MANTOVANA

Torta sbrisolona

La torta sbrisolona è il dolce tipico della città di Mantova, ed è ufficialmente considerata parte del patrimonio culturale della Lombardia. Ha antiche origini contadine, fatte di pochi e poveri ingredienti. Il nome (sbrisolona) in lombardo vuole dire “sbriciolata”, perché tende a sbriciolarsi mentre la si mangia e anche perché assomiglia ad un mucchio di briciole secche. Non il massimo in fatto di bellezza, dunque, ma in quanto a bontà è un’altra cosa.

La torta sbrisolona risale quanto meno al XVI secolo, periodo in cui è certo che fosse in uso alla corte dei Gonzaga. È comprensibile che in quasi cinque secoli abbia subito variazioni più o meno su tutto. Si spiega così come la torta sbrisolona abbia versioni diverse, con l’aggiunta di un po’ di vino, oppure senza le uova, con l’uso di mandorle amare, oppure mandorle tritate,  oppure con frutta secca diversa dalle mandorle e altro. Tutte cose che ovviamente fanno storcere il naso alla maggioranza dei Mantovani.

Tutti d’accordo, invece, su come  debba essere mangiata. La torta sbrisolona non va mai tagliata, ma sempre e solo spezzata con le mani, bagnata con un po’ di grappa e accompagnata o da un buon vino liquoroso (Malvasia, Vin Santo o Passito di Pantelleria) oppure da zabaione e mele caramellate.

In genere la prima volta che la si cucina – se non si è mai visto farlo – l’idea di fare un impasto a secco a forma di briciole lascia perplessi. Anzi, spesso si ha proprio l’impressione che ci sia qualcosa che non va, come se noi non capissimo o se chi scrive le ricette abbia dimenticato qualcosa. Invece è proprio così, briciole a secco, ma considerando che la quantità di burro presente fa si che l’impasto sia secco per modo di dire!
In ogni caso è sufficiente vedere una sola volta per capire come fare e anche che è una cosa molto semplice. In questo video scanzonato e molto giocoso, dal minuto 4.18 al minuto 5.05 potete vedere come si realizza un eccellente impasto da sbrisolona.

DOSI per 4-6 persone


INGREDIENTI

  • 200 gr di farina bianca
  • 150 gr di farina di mais fine
  • 200 gr di zucchero semolato
  • 2 tuorli d’uovo
  • scorza di 1/2 limone grattugiata
  • 200 gr di mandorle intere, non spellate
  • 200 g di burro

ESECUZIONE

  1. Mettete tutti gli ingredienti – eccetto il burro  – in una terrina e mischiateli accuratamente con le mani, senza aggiungere liquidi
  2. Fate ammorbidire il burro a temperatura ambiente, senza fonderlo, e aggiungetelo a piccoli fiocchi all’impasto
  3. Lavorando sempre e solo con le mani amalgamate velocemente il tutto, facendone un impasto non omogeneo, ma lasciandolo a piccoli grumi, come grosse briciole, appunto (vedi il video linkato sopra)
  4. Foderate con carta da forno una tortiera del diametro di 22-24 cm e fateci cadere a pioggia i grumi dell’impasto, fino a finirlo
  5. Infornate caldo (circa 180 °C) fin quando la torta non sarà dorata e asciutta

.

.

.

.

Vedi anche

●●●   Tiramisù, la ricetta semplice e buona della nonna
●●●   Lo strudel come lo fanno in Val di Non e dintorni


Ricette Correlate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.