PEPERONI RIPIENI DI PASTA, LA RICETTA NAPOLETANA

I peperoni ripieni di pasta

Un piatto davvero speciale: molto molto buono e molto molto scenografico. Ma non lasciatevi ingannare dalle apparenze: i peperoni ripieni di pasta non sono difficili da fare. In realtà non presentano proprio alcuna difficoltà. Giusto un po’ laboriosi come tempo, questo sì, ma per niente difficili.

La ricetta è tipica del napoletano, dove i peperoni ripieni di pasta (o di altro, per esempio melanzane) sono in genere chiamati puparuoli ‘mbuttunati . La pasta utilizzata è varia, ma soprattutto pennette oppure vermicelli. Anche i peperoni possono essere di varietà diversa, comprese le celebri papacelle. Queste ultime, che sono notevolmente più piccole dei grandi peperoni costoluti, sono in genere riservate ai vermicelli. Ma, insomma, è chiaro che si può spaziare con la fantasia.

Quindi pochissime indicazioni. Anche perché se date un’occhiata su Internet noterete che gli stessi napoletani hanno idee molto diverse sugli ingredienti migliori da usare per i peperoni ripieni di pasta
Le olive nettamente preferite sono le itrane, le cosiddette olive di Gaeta. Ci sono però molti siti, anche di chef quotati, che invece prediligono le olive verdi. La cosa è peraltro coerente con la tradizione napoletana. Il condimento della pasta è, infatti, più o meno un sugo alla puttanesca. Che viene regolarmente fatto, secondo le preferenze, con olive nere (quelle di Gaeta) oppure verdi.

Altra possibile variante sono le acciughe. Molti napoletani preferiscono non metterle. E spesso al posto delle acciughe aggiungono tonno sott’olio.
Quest’ultima indicazione va tenuta presente. Sono infatti molti anche quelli che mettono il tonno sott’olio non in sostituzione, ma in aggiunta alle acciughe.
Per il resto che volete che dica?. La ricetta dei peperoni ripieni di pasta è davvero speciale. Un piatto buonissimo, dico io, da sballo, aggiunge mia figlia!


DOSI PER 4 PERSONE

Ricetta dei peperoni ripieni di pasta:
gli ingredienti

  • 4 grandi peperoni costoluti, ben sodi
  • 220 g di pennette
  • 300 g di pomodori pelati
  • 1 spicchio di aglio
  • 40 g di capperi
  • 80 g di olive nere
  • 2 acciughe sotto sale
  • Origano
  • Prezzemolo
  • Peperoncino (facoltativo)
  • Olio extravergine di oliva

La preparazione

  1. Lavate i peperoni e mondateli della calotta superiore, eliminando anche i semi e i filamenti bianchi interni. Quindi disponeteli in una teglia e metteteli a cuocere nel forno già moderatamente caldo: 100-110 °C, non di più. Appena la pelle si raggrinzisce e comincia a staccarsi toglieteli dal forno e lasciateli stiepidire
  2. Sciacquate bene con acqua corrente i capperi e private le olive del nocciolo, quindi tritateli finemente insieme allo spicchio di aglio. Versate il trito in una padella, aggiungete 2 cucchiai di olio e fate rosolare per 5 minuti su fuoco dolce. Ora unite al soffritto i filetti di acciuga dissalati e fate cuocere – sempre a fuoco dolce – per altri 2 minuti. Mescolate con un cucchiaio di legno, nello stesso tempo pestando le acciughe fino a farle disfare
  3. Unite al soffritto anche i pomodori e fate cuocere su fuoco moderato 10 minuti scarsi. Infine profumate con un cucchiaio di prezzemolo tritato e una abbondante presa di origano. Aggiungete, se lo gradite, anche un pezzetto di peperoncino e completate la cottura mescolando per altri 4-5 minuti su fuoco moderatamente vivo
  4. Cuocete la pasta in acqua bollente salata e scolatela molto al dente: 2 minuti prima del tempo di cottura previsto dal produttore. Scolatela, quindi conditela con il sughetto preparato. Aggiungete se necessario un paio di cucchiai dell’acqua di cottura, in modo che il condimento resti leggermente fluido. Mescolate e imbottire di pasta i peperoni, disponendoli nella teglia da forno
  5. Irrorate con un filino di olio la pasta nei peperoni e – importante – versate sul fondo della teglia 3-4 cucchiai di acqua fredda. Infine disponete la teglia al centro del forno preriscaldato a 180 °C e fate cuocere per 25-30 minuti. A metà cottura ruotate la teglia su se stessa. Sfornate e servite ancora caldi i vostri peperoni ripieni di pasta

Vedi anche

Seguici e consigliaci sulle nostre pagine Facebook (profumodibasilico) e Instagram (@profumodibasilico.it)