LIMONCELLO DI SORRENTO: COME FARLO IN CASA NEL MODO MIGLIORE

Limoncello di Sorrento

Il limoncello di Sorrento è un liquore nato agli inizi del 1900 “vicino Napoli”. Non necessariamente a Sorrento, quindi: anche Capri e Amalfi se ne contendono la paternità, per quanto la denominazione di limoncello di Sorrento è oggi quella commercialmente vincente.

Diatribe a parte, le varie ricette sono praticamente identiche, con poche varianti mirate ad avere un liquore più o meno alcoolico o un aroma di limone più o meno forte.
L’unica variante fuori dalla tradizione e che ci sembra degna di nota è la possibilità di aggiungere 1 o 2 baccelli di vaniglia nell’infusione di bucce di limone.

Se possibile scegliete limoni grandi, con la buccia spessa e rugosa.
La giusta dose per un ottimo infuso è di 300 g di buccia di limone (solo la parte esterna gialla) per ogni litro di alcool. Questa quantità non è arbitraria, ma calcolata a seguito di approfondite analisi scientifiche, le quali hanno anche accertato che bastano 4 giorni di macerazione per estrarre completamente tutti gli aromi contenuti nella buccia di limone. Il che vuol dire che è inutile tenere le bucce in infusione per 8, 10, 15 o più giorni.
Invece i tempi di maturazione, dopo che è stato aggiunto lo zucchero, devono essere più lunghi, per favorire le reazioni chimiche che avvengono tra le sostanze estratte.

DOSI per 3 bottiglie di liquore. 


INGREDIENTI

  • 8 grossi limoni (9 o 10 se piccoli)
  • 1 litro di alcool a 95°
  • 1 litro di acqua distillata alimentare (oppure acqua minerale naturale oligominerale)
  • 800 g di zucchero

ESECUZIONE

  1. Lavate accuratamente i limoni con acqua naturale
  2. Sbucciateli usando un pelapatate o un coltello molto affilato: va presa solo la parte gialla, senza la parte bianca per quanto possibile. La quantità ideale di buccia è di circa 300 g per litro di alcool
  3. Tagliate a piccoli pezzi le bucce (più sono piccole, meglio è) e mettetele in infusione nell’alcool in un contenitore di vetro chiuso. Lasciatelo in un luogo fresco e buio per circa una settimana, agitando il recipiente una volta al giorno
  4. Dopo 6-7 giorni riscaldate l’acqua (senza farla bollire) e fatene uno sciroppo con tutto lo zucchero. Fate poi raffreddare completamente
  5. Quando lo sciroppo di zucchero è a temperatura ambiente miscelatelo con l’infuso di bucce di limone e fate riposare per circa 25 giorni in luogo fresco e buio, agitandolo ogni 3-4 giorni
  6. Filtrate e imbottigliate. Si beve a piccoli sorsi freddo di frigo o anche ghiacciato di freezer

.

.

.

.

Vedi anche

●●●  Castagne e marroni sciroppati alla grappa
●●●  La ricetta semplice e antica dello zabaione al marsala


Ricette Correlate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.