PASTA CON CARCIOFI E PECORINO AL PROFUMO DI MENTA

Pasta con carciofi, pecorino e menta

La pasta con carciofi e pecorino è piuttosto diffusa nel centro Italia, con tre regioni (Lazio, Abruzzo e Sardegna) che vantano altrettante ricette tipiche. Ricette per la verità molto simili a questa che vi proponiamo e che la presenza della menta caratterizza come tipicamente laziale. È sufficiente sostituire la menta con il prezzemolo e poco più per avere la pasta con carciofi e pecorino nelle versioni sarda e abruzzese.

Essendo un piatto laziale i carciofi della ricetta dovrebbero essere i grossi Romaneschi (le cosiddette Mammole romane), ma in realtà vanno bene tutti, a cominciare, ovviamente, dagli Spinosi sardi e dalle Mazzaferrate abruzzesi. Compresi quelli surgelati.

Stesso discorso per la menta: dovrebbe essere quella romana, dal sapore forte e deciso. Tuttavia viene spesso utilizzata la mentuccia, che ha più o meno lo stesso aroma, solo molto più delicato. In questo caso (considerato anche che le foglie di mentuccia sono più piccole) la dose deve aumentare a circa 25-30 foglie.

Il pecorino è ovviamente quello romano, di sapore forte e “piccantino” e di consistenza perfetta per essere grattugiato. Per dovere di cronaca va però detto che il tradizionale “pecorino romano” viene da tempo prodotto un po’ nell’agro romano (pochino), un po’ di più nella Maremma Toscana e per la maggior parte in Sardegna. Ce n’è di sapori piuttosto diversi, tanto più che passano per “romani” anche vari pecorini abruzzesi. Questo per dire che se proprio non avete il pecorino romano…. beh! fate voi. In ogni caso mangerete una pasta con carciofi, pecorino e menta da leccarsi i baffi.

Per la pasta non ci sono limitazioni, tanto più che si preferiscono gli spaghetti o le fettuccine nel Lazio, la pasta corta di semola in Sardegna e quella fresca tipo tonnarelli in Abruzzo.

DOSI per 4 porzioni


INGREDIENTI

  • 320 g di pasta
  • 4-6 carciofi, secondo dimensione
  • 1 spicchio di aglio
  • ½ cipolla
  • 12-15 foglie di menta romana
  • 70 g di pecorino romano grattugiato
  • vino bianco secco
  • olio extravergine di oliva

ESECUZIONE

  1. Eliminate le foglie esterne e dure dei carciofi, capateli, lavateli e divideteli in spicchi, togliendo l’eventuale peluria interna. Tagliate anche i gambi vicino al fiore (circa 5-6 cm), eliminate la parte esterna più dura e sfilettateli sottili
  2. Tritate l’aglio e la cipolla e fateli appassire a fuoco dolcissimo in una ampia padella con 4 cucchiai di olio. Calate i carciofi, bagnate con poco vino (una tazzina da caffè al massimo) e lasciate sfumare per 2 minuti a fiamma viva, mescolando
  3. Aggiungete nella padella la menta e una presa di sale. Incoperchiate e portate a cottura i carciofi a fuoco medio: occorreranno dai 10 ai 20 minuti a seconda della qualità dei carciofi e di quanto fini li avrete tagliati. Togliete dal fuoco e fate stiepidire un poco
  4. In una tazza a parte fate una crema sciogliendo il pecorino in 2 cucchiai d’acqua di cottura della pasta (di più se i carciofi sono troppo asciutti). Insaporite con una generosa macinata di pepe e versate la crema sui carciofi (non bollenti), mescolando subito per non far addensare il formaggio
  5. Scolate la pasta al dente, versatela nella padella e fate saltare un minuto a fuoco vivo mescolando continuamente. Questa pasta con carciofi e pecorino deve essere servita ben calda

.

.

.

.

Vedi anche

●●●   Pasta con fave fresche e finocchietto selvatico     
●●●   Pasta con i broccoli, uvetta e noci 


Ricette Correlate