PEPERONATA CON CIPOLLE, PATATE E ACETO BALSAMICO

Peperonata con cipolle, patate e aceto balsamico

La peperonata con cipolle e patate cotte in umido con pomodoro è un piatto praticamente universale in Italia, anche nelle regioni alpine, dove le caratteristiche del suolo e l’altitudine non hanno favorito una tradizione gastronomica fondata su questo apprezzatissimo ortaggio. Nel meridione, invece, le ciambotte e ciambottine con peperoni, cipolle e patate si sprecano. Con un particolare: non sono quasi mai così essenziali negli ingredienti (si aggiungono, secondo la zona, melanzane, zucchine, fagioli, piselli, fave, coste e altre verdure, uova, salsicce, tonno, avanzi eccetera) e ovviamente hanno aromi diversi (aglio, origano, finocchietto, timo, menta, alici eccetera).

La nostra peperonata con cipolle e patate è invece tipica dell’Emilia-Romagna, in modo peraltro reso evidente dalla presenza dello zucchero e dell’aceto balsamico. Due ingredienti usati da lunga tradizione, ma che il senno dei laboratori chimici di oggi ha dimostrato essere ideali per contrastare il vago sapore di glutammato (il gusto umami, rimandando a wikipedia per chi volesse approfondire) contenuto nei peperoni, nelle cipolle e nei pomodori.

Per il resto è appena il caso di ricordare che l’Emilia-Romagna – oltre ad avere un patrimonio gastronomico tra i più antichi, importanti e celebrati – è da decenni uno dei maggiori produttori italiani di ortaggi. Con una ricchezza di piatti tipici che si arricchisce costantemente di nuove esperienze.
Di questa peperonata con cipolle, per esempio, troverete ricette identiche alla nostra ma senza patate, altre che alle cipolle aggiungono buone dosi di aglio, addirittura alcune che al posto dell’aceto balsamico prevedono tabasco e salsa Worcester. Tutte però buonissime, e anche tutte ugualmente tipiche, se si considera che anche l’Emilia-Romagna è soggetta alla legge generale che vuole le ricette tipiche italiane “uguali ma diverse” anche tra provincie  e città confinanti.

DOSI per 4 persone.


INGREDIENTI

  • 500 g di peperoni dolci rossi e/o gialli
  • 2 cipolle
  • 1 grossa patata
  • 300 g di polpa di pomodoro
  • Alloro
  • Basilico
  • Zucchero
  • Aceto balsamico
  • Olio extravergine di oliva

ESECUZIONE

  1. Togliete il picciolo ai peperoni, eliminate i semi e i filamenti esterni e tagliateli a metà. Fateli arrostire 4-5 minuti al grill del forno o alla piastra con la pellicola dalla parte del calore. Toglieteli e chiudeteli in una bustina di plastica, lasciandoceli finché sono tiepidi e la pellicola si stacchi facilmente. Spellateli e tagliateli a pezzi conservando l’acqua di vegetazione che abbiano eventualmente perduto
  2. Nel frattempo sbucciate la cipolla e tagliatela a fette. Lavate le patate, sbucciatele e tagliatele a pezzi non troppo grandi: per es. cubetti di poco meno di 3 cm di lato
  3. In una casseruola fate appassire la cipolla per 5 minuti con 4 cucchiai di olio, a fuoco dolce e con il coperchio. Unite la polpa di pomodoro, 1 o 2 foglie di alloro, 1 cucchiaino di zucchero, regolate di sale e fate insaporire per qualche minuto con il coperchio
  4. Aggiungete i peperoni (con la loro acqua), le patate e fate cuocere con il coperchio per 15-20 minuti. Se le punte delle patate si sfaldano un poco è meglio, rendendo così la peperonata più densa
  5. Un paio di minuti prima di spegnere il fuoco eliminate l’alloro e aggiungete 2-3 foglie di basilico sminuzzato e un cucchiaio di aceto balsamico. Spegnete e lasciate riposare 10 minuti prima di servire tiepida la vostra peperonata con cipolle e patate all’emiliana

.

.

.

.

Vedi anche

●●●   La ciambotta, dal meridione con amore
●●●   Peperoni con la mollica, la versione tipica siciliana


Ricette Correlate