TRANCI DI SALMONE AL FORNO CON PATATE AL ROSMARINO

Tranci di salmone al forno con patate al rosmarino

I tranci di salmone al forno hanno davvero molti motivi per entrare stabilmente in un menù casalingo. A cominciare dal fatto che sono facilissimi da cucinare: praticamente impossibili da sbagliare. Inoltre sono ideali per ogni occasione (anche per gli ospiti più esigenti e raffinati) e sono consigliati per le loro qualità nutrizionali.
Cuocere i tranci di salmone al forno con patate o con altre verdure (cipolle, pomodorini, zucchine e carote le più gettonate) è un pochino – ma solo un pochino – più complicato, per via dei tempi di cottura molto differenziati .

Ma che c’entra un pesce tipicamente nordico come il salmone con la cucina tipica italiana? A questa domanda sono in molti a rispondere: niente. Sbagliando, perché vorrebbe dire “niente” esattamente come il merluzzo atlantico… che però da almeno tre secoli è il pesce mediamente più cucinato in Italia. Non solo, ma con il nome di baccalà e di stoccafisso, è anche il pesce con il maggior numero di ricette tipiche regionali!

Per il salmone le cose sono un po’ diverse, perché non esiste nemmeno una ricetta tipica italiana che lo veda come ingrediente base. Però è anche vero che fa ormai parte della nostra dieta da quasi un secolo, in particolare nelle regioni del Nord.
Quindi, pur nell’ambito della cucina tipica italiana, ci sembra corretto inserire almeno una ricetta di salmone. E niente di meglio del vago sentore d’aglio e del deciso sapore di rosmarino per ricordarci che questi tranci di salmone al forno con patate parlano italiano.


Molto semplici i tranci di salmone al forno con patate, ma occhio alla cottura

Come sempre i giusti tempi di cottura sono quelli dettati dal proprio gusto. In generale, però, per gli amanti del pesce il salmone meno cuoce meglio è. L’ideale è tagliarlo sottile e farlo solo marinare a crudo. Per esempio con un pizzico di sale sciolto in un cucchiaino di limone e poi allungato con poco olio, pepe e erba cipollina (oppure dragoncello).

I tranci di salmone sono ottimi cotti alla piastra o al grill: da 3 a 5 minuti per parte a seconda del loro spessore. Al forno è preferibile una temperatura alta (200-210°) con cottura di 15-20 minuti (secondo lo spessore) e girando i tranci una sola volta.
In tutti questi casi di cottura a calore secco, i tranci di salmone vanno sempre asciugati prima di cuocerli. E conditeli senza aggiungere grassi (niente olio né burro), perché le carni di salmone contengono già grasso in abbondanza.

In conclusione il salmone è uno dei pesci più facili da cucinare. E se volete mantenere le cose semplicissime cucinatelo da solo, aggiungendolo poi alle verdure con cui intendete accompagnarlo e che avrete cucinato a parte.
Tuttavia la difficoltà di cucinare il salmone al forno, insieme con le patate o altre verdure, è davvero modesta, come potete constatare leggendo la ricetta qui sotto. Tenete anche conto che noi – nel cucinare il salmone al forno che vedete nella foto – ci siamo ulteriormente semplificati la cosa. Abbiamo infatti utilizzato patatine novelle, che non richiedono la precottura in acqua bollente. E quindi abbiamo del tutto saltato il punto 1. della “preparazione” (per il resto tutto uguale, sia modalità, sia tempi).

Per finire, ricordiamo che è vero quanto accennato sopra sull’elevata qualità nutrizionale del salmone. Che è ricco di sali minerali, di vitamine e soprattutto di lipidi del gruppo omega3.  Ma è anche vero che è un pesce tra i più grassi. va quindi mangiato in modo controllato e consapevole dalle persone in sovrappeso o che sono a dieta dimagrante.


DOSI PER 4 PERSONE

.

Ricetta dei tranci di salmone al forno con patate:
gli ingredienti

  • 4 tranci di salmone da circa 180 g l’uno
  • 600 g di patate
  • 3 spicchi di aglio
  • Rosmarino
  • Pepe
  • Olio extravergine di oliva

La preparazione

  1. Sbucciate le patate e tagliatele a tocchetti cercando per quanto possibile di farle della medesima dimensione. Tuffatele in acqua bollente salata e profumata da uno spicchio di aglio e un ciuffetto di rosmarino. Fatele lessare 5 minuti da quando riprende il bollore, quindi scolatele, lasciatele raffreddare e infine (importante) asciugatele con un canovaccio 

  2. Ungete con pochissimo olio una teglia da forno e disponeteci le patate senza ammassarle, insieme a due spicchi di aglio tagliati a metà. Mettetele a mezza altezza nel forno preriscaldato a 180° e lasciatele cuocere 20 minuti, mescolando una volta per non farle attaccare al fondo 

  3. Intanto preparate il condimento tritando finemente abbondante rosmarino e mischiandolo con 2 prese di sale e una generosa dose di pepe macinato al momento 

  4. Sciacquate i tranci di salmone e asciugateli tamponando con carta da cucina. Mettete un pizzico del condimento su entrambe le facce di ciascun trancio e massaggiate delicatamente con le mani per farlo aderire bene. Fate in modo che avanzi sufficiente condimento per le patate

  5. Quando le patate sono dorate, ma non completamente cotte, estraetele velocemente dal forno (velocemente per fargli perdere meno calore possibile). Spolveratele con il condimento di rosmarino, mescolate, e disponeteci in mezzo (non sopra) i tranci di salmone. Infornate e lasciate cuocere 12 minuti. Quindi accendete il grill, estraete la teglia dal forno, girate i tranci, mescolate le patate e subito ri-infornate. Completate la cottura al grill per 6-7 minuti e servite ben caldo il vostro salmone al forno


Attimi di…vini

Brevi consigli del sommelier Ilaria Lombardo ( @Ilarietta77 ) su come bere moderatamente ma bene, abbinando nel modo migliore vini e piatti regionali

* * * * *
Piatto molto invitante a cui abbinerei un Gavi Dogc, interamente prodotto con il Cortese, vitigno autoctono del Piemonte. Nasce nella zona di Alessandria e regala agli occhi un colore giallo paglierino con riflessi verdognoli; al palato sentori di frutta fresca con note agrumate e mandorle amare, fiori bianchi e una discreta mineralità che raggiunge una piacevolezza unica se si degusta il vino un po’ invecchiato.
È un vino molto elegante e abbastanza armonico. Se scegliete il Gavi Riserva, vi “riserverà” – scusate il gioco di parole, ma qui è d’obbligo – una ampiezza di naso e bocca, dovuto all’affinamento così come previsto dal disciplinare.

Provate anche la versione Gavi Spumante, non vi deluderà!
In versione ferma va servito a 10°-12°C; in versione spumante 8°-10°C.


Vedi anche

Seguici e consigliaci sulle nostre pagine Facebook (profumodibasilico) e Instagram (@profumodibasilico.it)