FAVE E PISELLI, IL MODO PIÙ SEMPLICE DI GUSTARE PRIMAVERA

Fave e Piselli

Un piatto dal gusto deciso, tipico della tradizione contadina del centro Italia, e in particolare del Lazio, dove l’abbinamento di fave e piselli è previsto in diverse ricette. Per esempio, a Roma e dintorni ancora si trova la minestra di fave e piselli, come pure la zuppa di carciofi con fave e piselli. E anche questo semplice contorno ci è capitato più volte di poterlo gustare in modeste trattorie di campagna, con gli osti di una certa età che non perdono l’occasione di ricordare come una volta quello con un po’ di pane era spesso il piatto unico del pranzo o della cena.

La ricetta che proponiamo è oggi utilizzata come contorno, peraltro da servire con moderazione perché ricco di proteine vegetali, e quindi piuttosto sostanzioso per accompagnare altre portate proteiche (carni, uova o pesci). Di per sé, però, non si tratta di un piatto pesante, poiché sia i piselli, sia (soprattutto) le fave fresche sono alimenti ipocalorici e normalmente ben digeribili. Del resto, come tutti i legumi, sono anche molto ricchi di vitamine, sali minerali e altre sostanze con proprietà benefiche per l’organismo.
Il tutto – ovviamente – con le opportune e ben note cautele. Legate al fatto che le fave possono essere mangiate anche crude, ma i piselli no, e soprattutto al fatto che le fave possono essere un reale pericolo per soggetti allergici e per i malati di favismo.

Fave e piselli offrono il vantaggio di essere reperibili tutto l’anno: freschi, surgelati (da considerare equivalenti al fresco) o secchi. Nella ricetta facciamo riferimento al prodotto fresco.

DOSI per 4 persone


INGREDIENTI

  • 300 g di fave sgusciate (circa 1,1 kg di fave fresche intere)
  • 300 g di piselli sgusciati ( circa 900 g di piselli freschi interi)
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio di aglio
  • Vino bianco
  • Prezzemolo
  • 6-7 foglie di menta romana
  • ½ dado vegetale
  • Olio extravergine
  • Pepe

ESECUZIONE

  1. Sbucciate fave e piselli e lavateli con acqua corrente
  2. Tritate una cipolla intera e 1 spicchio di aglio e fateli colorare a fuoco dolcissimo in un tegame con 4 cucchiai di olio
  3. Aggiungete i piselli, fateli rosolare 2 minuti, quindi bagnateli con un bicchiere di vino bianco (circa 120 ml) e lasciateli cuocere per 5 minuti a fuoco moderato e con il coperchio
  4. Unite anche le fave, aggiungete circa 200 ml di brodo leggero (preparato sciogliendo ½ dado vegetale in 300 ml di acqua bollente), coprite e portare a cottura sempre a fuoco moderato: occorreranno circa 15 minuti. Se necessario aggiungete ancora un po’ di brodo
  5. A cottura quasi ultimata regolate di sale, aggiungete la menta e un cucchiaio di prezzemolo tritati insieme, infine completate profumando con poco pepe macinato al momento. Lasciate insaporire 2-3 minuti mescolando più volte, senza coperchio e con il fuoco regolato in modo da lasciare umido, ma non bagnato, il fondo di cottura. Spegnete e fate riposare 5 minuti con il coperchio prima di servire tiepido il vostro contorno di fave e piselli

 

.

.

.

.Vedi anche

●●●   Fave e cicoria, emblema della cucina tradizionale pugliese
●●●   Taccole al pomodoro con aromi mediterranei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.