CANEDERLI IN BRODO, LA TRADIZIONE FUMANTE DEL TRENTINO ALTO ADIGE

Canederli in brodo del trentino

Diffusi in quasi tutta l’Europa centrale, i canederli sono considerati tradizionali della cucina tedesca, austriaca e, in Italia, del Trentino Alto Adige e del Friuli. Si tratta di una pietanza basata sugli avanzi di casa, quindi tipica di ogni agricoltura di sussistenza e dalle origini necessariamente remote.

In Italia, per esempio, dove di canederli ce ne sono diverse versioni, ha credito la leggenda che siano stati inventati durante una invasione di lanzichenecchi: una banda affamata avrebbe chiesto da mangiare a una contadina, minacciando di bruciargli la casa in risposta alle sue proteste di non avere niente. Lei avrebbe allora raschiato ogni avanzo reperibile, di ogni genere, ricavandone dei grossi gnocchi che piacquero molto.
Questa leggenda si situa all’inizio del XVI secolo, che è già molto tempo fa. Tuttavia, negli straordinari affreschi che decorano la Cappella del castello di Appiano (Bolzano) è rappresentata una donna intenta a lessare alcuni canederli, assaggiandone uno. E si tratta di affreschi dipinti intorno al 1180!

In pratica i canederli sono grandi gnocchi a base di pane raffermo, con l’aggiunta degli ingredienti più vari: speck, formaggi, salumi, funghi, spinaci, barbabietole e molto altro. Anche le possibilità di condimento sono numerose: dolci e salati, in brodo o asciutti conditi con burro e salvia oppure con sughi di vario tipo.
Con questa premessa si capisce che siano piuttosto facili da realizzare. Ma anche divertenti, perché è possibile farli dando sfogo alla fantasia e utilizzando quasi tutta la varietà di avanzi che ci sono in cucina.

La nostra ricetta è quella dei canederli in brodo dell’Alto Adige.


DOSI PER 4 PERSONE

Ricetta dei canederli in brodo altoatesini:
gli ingredienti

  • 200 g di pane raffermo
  • 50 g di burro
  • 60 g di parmigiano grattugiato
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di prezzemolo tritato
  • 1 cucchiaio di basilico tritato
  • Un 1 litro di brodo di carne
  • Noce moscata
  • Pepe

La preparazione

  1. In una ciotola fate sciogliere a temperatura ambiente il burro, insieme alle uova sbattute
  2. Aggiungete il prezzemolo e il basilico, un profumo di noce moscata, un po’ di pepe macinato al momento, una presa di sale, il parmigiano grattugiato e mescolate bene tutti gli ingredienti
  3. Con le dita sbriciolate grossolanamente il pane raffermo e unitelo agli altri ingredienti. Mescolate a lungo fino ad ottenere un composto omogeneo, non troppo morbido
  4. Ora ricavatene i canederli, cioè tante palline della grandezza di un uovo, che vanno tuffati nel brodo bollente
  5. Riducete il bollore e dopo 10-12 minuti, non appena i canederli verranno a galla, spegnete e serviteli caldi

Ti è piaciuta la ricetta dei canederli in brodo dell’Alto Adige?
Prova anche queste altre ricette tradizionali:

Seguici e consigliaci sulle nostre pagine Facebook (profumodibasilico) e Instagram (@profumodibasilico.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.